Categoria Generale > Burocrazia

Nuova Legge Stabilita`: chiarimenti effetti sui veicoli fino a 29 anni

(1/163) > >>

lambretta74:
Ragazzi, purtroppo la legge l`han scritta molto molto bene. Un paio di chiarimenti a mio modesto parere (posso sbagliare, quindi prendeteli con le molle).

Allo stato delle cose (potranno esserci modifiche, e il testo della legge ha dei punti oscuri), nel diritto, abrogando i commi 2 e 3 della 342/2000, viene quindi abolito quel concetto-purgatorio di "veicoli di interesse storico", che erano tali solo se certificati da ASI ed FMI.
Cessando di esistere la categoria stessa (e rimanendo solo quella di "veicoli storici", che lo sono dai 30 in su), quel che ha fino a 29 anni e` un normale veicolo. Le conseguenze qui rilevanti sono che:
1) ritorna ad esistenza il regime di bollo pieno per TUTTO quello che e` sotto i 30 anni (dai 30 in su, resta la presunzione di storicita` per tutti i mezzi). TUTTO quello che ha meno di 30 anni, circolante oppure no, PAGHERA` IL BOLLO COME MEZZO NORMALE, CALCOLATO IN BASE AI KW ED ALLA CLASSE DI INQUINAMENTO.
2) E, attenzione, anche il PASSAGGIO DI PROPRIETA` tornera` pieno per TUTTI i veicoli sotto i 30 anni...
Questi gli effetti diretti della modifica.
Cosa accadra` delle definizioni "certificate" da ASI e FMI? Cesseranno di avere valore legale, e resteranno definizioni "privatistiche".
Unica nota positiva: l`iscrizione ad ASI o FMI potra` far fede per le assicurazioni che decideranno di continuare ad applicare regimi agevolati. Ma non avra` alcuna influenza sul bollo.

Legalmente, la modifica normativa mi pare inattaccabile (nei limiti dell`inattaccabilita` di una norma, ovviamente). Non esistono presupposti perche` la nuova legge venga cambiata.
Ma, la cosa piu` preoccupante, e` che chi ha scritto la legge nuova ha strategicamente lavorato in modo da far terra bruciata attorno alle categorie "penalizzate" da questa manovra: i possessori dei mezzi da una parte, e ASI-FMI dall`altra...
Certamente ASI (e FMI) hanno tentato - e tenteranno - azione lobbistica ma... con quali speranze? Poche... La stampa e` palesemente contro di loro, conseguentemente la gente - chi legge i giornali - e` contro di loro: leggete gli articoli... si parla dei furbetti italiani che pagavano due lire di bollo grazie all`asi circolando con mezzi inquinanti... si parla di pacchia finita...insomma, si aizza l`odio della gente che paga un bollo normale contro questa categoria privilegiata e anche un poco "paracu*a"... [tongue]).

Scrivevo qualche giorno fa che l`eccessivo utilizzo della certificazione asi per eludere (di elusione si tratta, non giriamoci intorno) il bollo da parte degli italiani avrebbe portato il bubbone a scoppiare... sono stato pure attaccato per questo...bene, i fatti purtroppo mi stan dando ragione.

Le REGIONI hanno tutto l`interesse ad incassare nuovi soldi (perche` la previsione e` tale, almeno per il 2015... non tutti avranno la prontezza o la possibilita` di svendere/demolire il veicolo entro gennaio, fra 3 mesi). E a loro questo interessa. Hanno la gente dalla loro...basta che paventino tagli ulteriori a scuole e sanita` dicendo che noi collezionisti ne siamo causa perche` vogliamo circolare con mezzi inquinanti e non pagare... la gente le moto ventennali ce le tira fuori dai garage e le infiamma in strada... non scordiamo MAI in che periodo viviamo...

Attenzione anche a pensare a scappatoie italiche quali demolire per esportazione (senza esportare) oppure affidare ad un concessionario. L`Agenzia delle Entrate e` molto ben preparata a intercettare tali manovre, sanzionandole in maniera molto molto pesante...

Aspettiamo nuovi sviluppi, ma non la vedo molto rosea... certamente, sarebbe il declino dell`ASI, che - molti sostengono - in questi hanni e` stata governata, in parte, perdendo di vista il proprio fine iniziale (che era un fine "nobile", nel suo settore), ottenendo profitti troppo facili...troppe certificazioni... ed ingrassando di fatto a dismisura.
Qualcuno in ASI, forse contando troppo su una propria presunta inattaccabilita`, si e` fatto molti nemici, ed  ha cosi` perso molti importanti consensi politici, ed i risultati si vedono.
La crisi ha fatto il resto.
PS: rientro nella categoria di quelli che pagheranno di piu`; lo scrivo per evitare fraintendimenti ... :ita
PPS: in tutta onesta`, in questo momento storico mi preoccupano piu` i tagli alla sanita` ed all`educazione...
PPPS: Una premessa (per la serie: poteva andare peggio)... non escludo che nel futuro vengano rivisti anche i requisiti per definire i   veicoli storici, ALZANDO per legge l`eta` minima da 30 a 35 o 40 anni. Quindi... per sdrammatizzare:
Frankenstein Junior: potrebbe piovere Piccolo | Grande

lambretta74:
ECCO L`ARTICOLO IN OGGETTO ALL`INTERNO DELLA LEGGE 342/2000 (in rosso la parte abrogata):

"Art. 63.

(Tasse automobilistiche per particolari
categorie di veicoli)

1. Sono esentati dal pagamento delle tasse automobilistiche i veicoli ed i motoveicoli, esclusi quelli adibiti ad uso professionale, a decorrere dall'anno in cui si compie il trentesimo anno dalla loro costruzione. Salvo prova contraria, i veicoli di cui al primo periodo si considerano costruiti nell'anno di prima immatricolazione in Italia o in altro Stato. A tal fine viene predisposto, per gli autoveicoli dall'Automobilclub Storico Italiano (ASI), per i motoveicoli anche dalla Federazione Motociclistica Italiana (FMI), un apposito elenco indicante i periodi di produzione dei veicoli.

2. L'esenzione di cui al comma 1 è altresì estesa agli autoveicoli e motoveicoli di particolare interesse storico e collezionistico per i quali il termine è ridotto a venti anni. Si considerano veicoli di particolare interesse storico e collezionistico:

a) i veicoli costruiti specificamente per le competizioni;

b) i veicoli costruiti a scopo di ricerca tecnica o estetica, anche in vista di partecipazione ad esposizioni o mostre;

c) i veicoli i quali, pur non appartenendo alle categorie di cui alle lettere a) e b), rivestano un particolare interesse storico o collezionistico in ragione del loro rilievo industriale, sportivo, estetico o di costume.

3. I veicoli indicati al comma 2 sono individuati, con propria determinazione, dall'ASI e, per i motoveicoli, anche dalla FMI. Tale determinazione è aggiornata annualmente.

4. I veicoli di cui ai commi 1 e 2 sono assoggettati, in caso di utilizzazione sulla pubblica strada, ad una tassa di circolazione forfettaria annua di lire 50.000 per gli autoveicoli e di lire 20.000 per i motoveicoli. Per la liquidazione, la riscossione e l'accertamento della predetta tassa, si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni che disciplinano la tassa automobilistica, di cui al testo unico delle leggi sulle tasse automobilistiche, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 5 febbraio 1953, n. 39, e successive modificazioni. Per i predetti veicoli l'imposta provinciale di trascrizione è fissata in lire 100.000 per gli autoveicoli ed in lire 50.000 per i motoveicoli.

Apelle:

--- Citazione da: lambretta74 - 17 Ottobre 2014, 23:34:59 ---Legalmente, la modifica normativa mi pare inattaccabile (nei limiti dell`inattaccabilita` di una norma, ovviamente). Non esistono presupposti perche` la nuova legge venga cambiata.
--- Termina citazione ---

Beh, insomma.
Fino a ieri ci hanno quasi obbligato a spendere cifre importanti per restaurare il veicolo e poi isciriverlo A$I o FMI, adesso non è del tutto "lineare" e, scomodo un termine "pesante" anche se inflazionato, costituzionale.

Tutti i cittadini che nell'arco degli ultimi 15 (quindici!!!) anni si sono sobbarcati un onere non indifferente per conseguire una certificazione, e con essa l'accesso ad agevolazioni dettate *PER LEGGE*, adesso vengono letteralmente presi per il culo, come a dire "ahahah ci avevi creduto eh, pirla!!!"
Ripeto, non mi sembra proprio inattaccabile, come posizione.

Ma, la cosa piu` preoccupante, e` che chi ha scritto la legge nuova ha strategicamente lavorato in modo da far terra bruciata attorno alle categorie "penalizzate" da questa manovra: i possessori dei mezzi da una parte, e ASI-FMI dall`altra...

--- Citazione da: lambretta74 - 17 Ottobre 2014, 23:34:59 ---Certamente ASI (e FMI) hanno tentato - e tenteranno - azione lobbistica ma... con quali speranze? Poche... La stampa e` palesemente contro di loro, conseguentemente la gente - chi legge i giornali - e` contro di loro: leggete gli articoli... si parla dei furbetti italiani che pagavano due lire di bollo grazie all`asi circolando con mezzi inquinanti... si parla di pacchia finita...insomma, si aizza l`odio della gente che paga un bollo normale contro questa categoria privilegiata e anche un poco "paracu*a"... [tongue]).
--- Termina citazione ---

Mah... non so.
Il tuo ragionamento fila, ma io continuo ancora a "sospettare" di A$I ed a contare  sul suo super-ammanicamento.


--- Citazione da: lambretta74 - 17 Ottobre 2014, 23:34:59 ---PS: rientro nella categoria di quelli che pagheranno di piu`; lo scrivo per evitare fraintendimenti ...
--- Termina citazione ---
Io anche: come detto nel'altro topic, se va davvero in porto sarò costretto a vendere.


--- Citazione da: lambretta74 - 17 Ottobre 2014, 23:34:59 ---PPS: in tutta onesta`, in questo momento storico mi preoccupano piu` i tagli alla sanita` ed all`educazione...

--- Termina citazione ---

Quanto alle priorità, chiaramente sono altre, a livello genericamente sociale, ma ti garantisco che nella mia condizione di mezzo nullatenente, mi vedo all'improvviso proiettato in questa situazione:

* nel giro di pochi mesi, mi arriveranno svariate centinaia di euro di bolli da pagare, per importi totali che semplicemente saranno per me inarrivabili
* se vorrò limitare i danni, dovrò vendere, ma con l'aria che tira e, appunto, questa nuova banana ormai stabilmente attaccata a punta in su sui sellini delle motine, finirà come al solito che gli unici dispostia comprare sono i pirati della speculazione, che si porteranno via a pochissimi soldi le mie uniche speranze di potermi costituire una sorta di "tesoretto" per gli anni a venire

lambretta74:
Ciao Apelle ;-)) Come stai?

Avevo pensato anche io a qualcosa del genere... la presunta incostituzionalita` di una norma del genere non sussiste, purtroppo. Un`agevolazione che viene revocata non ha una tale copertura; certo, da parte mia, tua, di altri, c`era l`aspettativa di poter usufruire di tale agevolazione, ed in tale ottica magari abbiamo fatto investimenti, restauri, certificazioni, etc...
Ma la nostra frustrazione non assurge a dignita` tali da essere tutelata. Non stiamo parlando di un diritto (quale quello alla pensione commisurata alle somme versate nel corso della vita... e anche li` ci sarebbe da discutere), ma di qualcosa di assai inferiore.
Soprattutto, commisurato con la necessita` di ripianare un debito pubblico e fornire alla popolazione servizi essenziali... capisci anche te dove finiamo.
Del resto, misure come il superbollo sono entrate in vigore e tutti i ricorsi ad opponendum hanno fallito. Perche` non avevano copertura legale.
Chi ha acquistato una casa non credeva di dovresi sorbire la TASI... cosi` e` stato. Eppure, anche loro hanno fatto investimenti ed acquisti anche GRAZIE a leggi che agevolavano l`acquisto di prima casa, ed ora...devono pagare tasse di proprieta` impensabili qulche anno fa.
Chi ha stipulato i fondi pensione, con questa misura vedra` la tassazione RADDOPPIARE. Vi rendete conto? RADDOPPIARE! Lo stato ti punisce perche` hai provato a mettere da parte dei soldi per conto tuo. E passera` anche questa!!!
No, non vedo prospettive in tal senso.

Asi? Vedremo... buffo sperare in ASI dopo averla attaccata e aver quindi contribuito a minarne la credibilita`. Asi, a mio giudizio, ha perduto molto del proprio "vantaggio competitivo" a livello "politico". Ci sono innumerevoli episodi che deopngono in tal senso. Le manovre sottostanti non le conosco, ma e` chiaro come il proprio ambito di influenza sia decaduto. I rapporti di forza che stanno dietro la politica sono stati completamente stravolti, come puoi notare, e non solo in questo campo... la vedo molto molto molto dura.

Questa "manovra" piace alle Regioni, allo Stato, piace alla gente in generale (leggi i commenti agli articoli... molti neppure lo sapevano che esisteva l`ASi e il bollo ridotto, ma adesso...1000 a favore della misura e 1 contro che viene insultato come "furbetto" "e` finita la pacchia", etc...ripeto: ricordiamoci in che periodo storico siamo) perche` se tasso i mezzi ventennali scontentando 100, la gente pensa (giusto o no che sia) che la benzina non rincarera`, che il loro bollo normale non aumentera`...  Chiamala pure guerra fra poveri, ma la gente gode di questa misura, molti pensano: "era ora: pagalo il bollo per i tuoi macchinoni d`epoca, come me che ho una Punto del 2005". Il battage mediatico e` forte da tempo in tal senso, e tenta di additare i collezionisti come quelli che evadono il fisco, e che costringono i comuni automobilisti a pagare piu` tasse...
Insomma: 100 contro 100.000.
Vedremo Apelle. Io, come te, come tanti, siamo nella stessa situazione.
E molti hanno agito in buona fede.
Per qualcuno che si e` vantato (anche con me)  di aver 10 auto del 1993 3000 V6 di cilindrata prese per due lire sfruttando la situazione di bisogno e l`ignoranza dell`anziano  venditore costretto a pagare l`IMU... ci sono tante persone come te e me che han risistemato un mezzo ventennale per passione. Lo so.
Ma il politico ti rispondera`: "se ne hai solo 1 pagherai solo 50 euro in piu`. Se ne hai voluti 20, e` giusto che paghi 5000 euro all`anno. La gente muore di fame."
E la gente applaudira`lui e fischiera` te. Mai sostenuto che il popolo italiano sia furbo o acuto.
Lo so: e` demagogia, e` avanspettacolo, ma funziona purtroppo.
PS: suggerisco di andarsi a vedere il contenuto della legge di stabilita`. Di tutta. Vedrete che la misura sulle auto d`epoca parra` acqua fresca.

Apelle:
Purtroppo ho fatto anch'io le tue stesse considerazioni, in alternativa a quelle che ho già esposto.

E non c'è dubbio che sia più probabile lo scenario da te delineato, lo so.

Cioè, e proprio lunedì ho avuto la notizia dell'accoglimento del mio ricorso... è quasi un non-sense...  :nooo:

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa