Autore Topic: Piloti della domenica  (Letto 852 volte)

Offline Apelle

  • Utente d'Elite
  • Post: 6246
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #45 il: 01 Luglio 2020, 21:19:44 »
Andrea capisco che per il cretino non c'è cura, ma perché non posso andare dove mi pare? Non sono io quello che sbaglia, non è corretto limitare la propria libertà perché ci sono questi irrispettosi sulle strade.
Tu hai ragione, non è corretto, ma purtroppo *oggi* diventa indispensabile, bisogna vederla come una strategiqa di sopravvivenza.
Le strade sono sempre le stesse di quando eravamo dei giovanotti noi, ma gli utenti sono cambiati, piuttosto radicalmente.

E non è nemmeno più questione della domenica, ormai sei a rischio della pelle ogni giorno, 24/7.

Io prego ogni giorno che Camilla arrivi al lavoro e ne torni sana e salva dall'immersione di complessivi 55km nella follia circolatoria della SS1 Aurelia da Camogli a Genova, dove auto, moto e sputer ti passano letteralmente sulla testa non solo senza ritegno ma anche proprio senza cervello.
Non è un caso che Genova sia una delle 3 città d'Italia con le tariffe RCA più alte.

E non c'è verso, non basta nemmeno essere prudenti e coscienziosi, perché quando un imbecille ti sorpassa in curva cieca, se dall'altro alto arriva qualcuno, centra lui e lui centra te.
Gente che diventa nervosa per il solo fatto di stare dietro qualcun altro, per cui deve fare di tutto pr passarlo, salvo poi ritrovarsi sempre appaiati al semaforo per chilometri e chilometri.
Gente che siccome ha fretta, non aspetta che altri ti abiano sorapssato, ma fa il doppio sorpasso, magari in pieno incrocio.
Gente che non ha nemmeno idea di cosa significhi stare in piedi su due ruote, e circola sbandierando piedi appesi come se con ciò stesse dimostrando chissà quale perizia di guida.
Gente che va a tavoletta sempre, finché non arriva la curva, dove letteralmente si inchioda.
Gente che non sopporta i limiti di velocità "perché i mezzi moderni sono sicuri anche ad alta velocità".

E via di questo pietoso passo.

Quindi è sbagliato, seccante e tutto, ma ormai su certe strade, specie nel week-end, è meglio non andarci.
"dicono che quelli con gli occhi azzurri hanno la testa piena d'acqua... pensa quelli con gli occhi marroni"

Offline alex67

  • Utente Assiduo
  • Post: 600
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #46 il: 02 Luglio 2020, 15:31:28 »
Quoto Apelle in toto!
La Ruta , Corso Europa ed altre stradine gradevoli sono proprio un vero inferno ....
Grande Apelle concordo in pieno!
Ogni grande viaggio inizia con un piccolo passo

Offline zurlin

  • Utente Normale
  • Post: 295
  • Sesso: Maschio
    • Navigandoweb
Re:Piloti della domenica
« Risposta #47 il: 03 Luglio 2020, 23:11:03 »
È da anni che percorro diverse strade da smanettoni ( passo Penice, Bracco, Scoffera, Bocchetta) tra Piemonte Liguria e Lombardia non lontano da dove abito e altre ancora saltuariamente, perché  più lontane ma rare volte di sabato o domenica. Se mi capita di percorrerle nei week end mi pento sempre perché qualche cazzone lo trovi sempre che esagera.Sono percorsi bellissimi con panorami e scenari che meritano di essere visti, durante la settimana tutto è più  tranquillo non si  rischiano multe e gli smanettoni sono in minoranza . Se avete del tempo durante la settimana da dedicare alla passione della moto che ci riunisce lo consiglio calorosamente, mentre per i fine settimana opto per percorsi naturalistici un tempo mulattiere e ora stradine tortuose troppo strette per divertirsi con le SBK, poi volendo si può aggregarsi a bracciolate e festival della birra varie  [CFASD]
« Ultima modifica: 04 Luglio 2020, 09:11:26 da zurlin »
Con la Gilera giro (giravo !) dalla mattina alla
 sera !

Offline Mike58

  • Nuovo Utente
  • Post: 54
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #48 il: 06 Luglio 2020, 23:33:32 »
Dispiace del quasi contatto della Signora Mototopo con il pirla ma c'è un però .
Mototopo non ha sbagliato nulla a parte la scelta del percorso , in certe giornate certe strade vanno evitate , Lo so bene io che mi son trovato in contromano un cretino con una R6 in una curva da 120 km/h zona Livergnano sulla SS65 dieci anni fa , ne avevo 48 erano TRENTA ANNI che mi divertivo in Raticosa /Futa / Giogo / Muraglione /Calla ecc e quello str***o mi ha fatto decidere che è meglio vivere ,

Per il cretino non c'è cura è un dogma .

Il mio meccanico e grande amico quando a 16 anni ho cominciato a stargli dietro con le motorette in Raticosa mi ha detto :

la linea di mezzo è un muro di là non ci si va , se fai queste stronzate con noi non giri , capito ?

Mi ha salvato la vita

Purtroppo pochi seguono questa sacra filosofia ... io abito sotto la Raticosa e a parte le ambulanze praticamente ogni weekend, se ne vedono di tutti i colori.
Il test della betoniera lo passano in pochi e il lunedì puoi leggere storie di mutande piene (se non peggio) sul catrame.

Offline pegaso_grigio

  • Utente d'Elite
  • Post: 4160
  • Sesso: Maschio
  • Skype: DAKOTA 500
Re:Piloti della domenica
« Risposta #49 il: 07 Luglio 2020, 13:40:53 »
OT   

Mike58 ma la storia del Saturno da importare dalla Svizzera come fini' ?????????
A volte la "macchina" del tempo.... è soltanto una moto

Offline Matte

  • Utente d'Elite
  • Post: 4581
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #50 il: 07 Luglio 2020, 16:42:31 »
Già, è vero...... :walker:
Ciao
Paolo
Perché sono qui? Gilera KZ 125

Offline Andrea Righini

  • Utente Assiduo
  • Post: 526
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #51 il: 07 Luglio 2020, 17:48:55 »
Dispiace del quasi contatto della Signora Mototopo con il pirla ma c'è un però .
Mototopo non ha sbagliato nulla a parte la scelta del percorso , in certe giornate certe strade vanno evitate , Lo so bene io che mi son trovato in contromano un cretino con una R6 in una curva da 120 km/h zona Livergnano sulla SS65 dieci anni fa , ne avevo 48 erano TRENTA ANNI che mi divertivo in Raticosa /Futa / Giogo / Muraglione /Calla ecc e quello str***o mi ha fatto decidere che è meglio vivere ,

Per il cretino non c'è cura è un dogma .

Il mio meccanico e grande amico quando a 16 anni ho cominciato a stargli dietro con le motorette in Raticosa mi ha detto :

la linea di mezzo è un muro di là non ci si va , se fai queste stronzate con noi non giri , capito ?

Mi ha salvato la vita

Purtroppo pochi seguono questa sacra filosofia ... io abito sotto la Raticosa e a parte le ambulanze praticamente ogni weekend, se ne vedono di tutti i colori.
Il test della betoniera lo passano in pochi e il lunedì puoi leggere storie di mutande piene (se non peggio) sul catrame.

Esatto ogni sabato pomeriggio è un continuo di sirene e io mi son rotto le scatole a girare con sempre qualcuno piantato nel guard rail o effetto moscerino su un parabrezza .

Si DOVREBBE  avere la possibilità d'avere la libertà di fare quello che ci piace sempre ma se questa presunta libertà ci porta a rischiare la mia  salute me ne sbatto i santissimi .

Figurati se sto in scacco con un cretino , ho anche smesso di girare in pista girano troppi soldi e non so perché il frusciate è amico del mentecatto

Non importa quante volte cadi, ma quante volte cadi e ti rialzi.
L'enduro non è uno sport di contatto, è uno sport di collisione... il ballo è un sport di contatto !!

.... la frase non è mia , l'ho adottata