Autore Topic: Piloti della domenica  (Letto 665 volte)

Offline federosso

  • Utente d'Elite
  • Post: 10299
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #15 il: 29 Giugno 2020, 21:22:51 »
Io non avevo risposto perché non potevo alzare il braccio.
Però condivido il pensiero di bigbore.
Non lo avevo espresso perché fa parte di quei concetti della serie "tutti possono dirti di stare nei limiti". Salvo poi, per molti, superarli.
...Infatti quando poi guidi una moto "tua" ti sembra sempre di essere riuscito a migliorare le cose che non ti piacevano, e anche se...non è così, si gusta più serenamente la guida! eggià... (Duc27)

Offline Matte

  • Utente d'Elite
  • Post: 4481
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #16 il: 29 Giugno 2020, 22:06:36 »
Lo confesso, da "ragazzetto" ero un mezzo scemo (ora sono uno scemo intero :fuma: ) e ne ho combinate di cotte e di crude, ora mi incazzo come è giusto che sia quando leggo/vedo/sento di certe cose.  Per cui, solidarietà al Mototopo, e per fortuna non vi è successo niente.
Ciao
Paolo
Perché sono qui? Gilera KZ 125

Offline alex67

  • Utente Assiduo
  • Post: 576
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #17 il: 30 Giugno 2020, 16:02:59 »
Caro Motopo come ti capisco ....Come ben sa Apelle a Boasi è la stessa identica cosa e non citiamo il passo del Bracco perchè è come sparare sulla croce rossa....
Una volta da quelle parti mi vidi superare da gente che andava su sparata tipo hipervelocità e con delle sfiorate da brivido.
Stessa cosa al ritorno ....Tornando ancora indietro con la memoria mi ricordo che mentre tornavo a casa dal mare (Santa Margherita Ligure) poco dopo il lungo tratto di curve e controcurve -quasi senza soluzione di continuità- tra Pontetto e Bogliasco mi supera un missile e sparisce in un attimo ...era il periodo in cui giravo ancora con il mio KZ ....(bei tempi quelli) e non riuscii a vedere chi o cosa stesse guidando ....
Poco prima di Bogliasco ecco il patarack : moto sdraiata , due a terra e persone intorno che chiamano aiuti ecc. Passo con cautela e vedo dei sandali , parti di abbigliamento sparsi ovunque sull'asfalto ed il passeggero (passeggera) con sangue sulle mani , ginocchia (uno era un pallone da calcio) e dolore per graffiatura al seno ......
Ebbi paura io per loro .
Passando mi ricordo che mi chiesi se ne valeva la pena ....Una caduta assurda che si poteva evitare viaggiando a velocità normale e con un minimo di attenzione e cura per gli altri . Pensa solo se arrivava una macchina in senso opposto oppure un bel camion ....
 :nopanic:
Stupidità senza confini !
Sono contento che nessuno di voi si sia fatto male . Ma il "rimba" almeno ha chiesto scusa ?
Certo che mettergli la moto per cappello non era poi  una idea da non scartare ma tu hai fatto il Signore . :ok:
Ogni grande viaggio inizia con un piccolo passo

Offline Mototopo

  • Nuovo Utente
  • Post: 69
Re:Piloti della domenica
« Risposta #18 il: 30 Giugno 2020, 18:45:27 »
Caro Motopo come ti capisco ....Come ben sa Apelle a Boasi è la stessa identica cosa e non citiamo il passo del Bracco perchè è come sparare sulla croce rossa....
Una volta da quelle parti mi vidi superare da gente che andava su sparata tipo hipervelocità e con delle sfiorate da brivido.
Stessa cosa al ritorno ....Tornando ancora indietro con la memoria mi ricordo che mentre tornavo a casa dal mare (Santa Margherita Ligure) poco dopo il lungo tratto di curve e controcurve -quasi senza soluzione di continuità- tra Pontetto e Bogliasco mi supera un missile e sparisce in un attimo ...era il periodo in cui giravo ancora con il mio KZ ....(bei tempi quelli) e non riuscii a vedere chi o cosa stesse guidando ....
Poco prima di Bogliasco ecco il patarack : moto sdraiata , due a terra e persone intorno che chiamano aiuti ecc. Passo con cautela e vedo dei sandali , parti di abbigliamento sparsi ovunque sull'asfalto ed il passeggero (passeggera) con sangue sulle mani , ginocchia (uno era un pallone da calcio) e dolore per graffiatura al seno ......
Ebbi paura io per loro .
Passando mi ricordo che mi chiesi se ne valeva la pena ....Una caduta assurda che si poteva evitare viaggiando a velocità normale e con un minimo di attenzione e cura per gli altri . Pensa solo se arrivava una macchina in senso opposto oppure un bel camion ....
 :nopanic:
Stupidità senza confini !
Sono contento che nessuno di voi si sia fatto male . Ma il "rimba" almeno ha chiesto scusa ?
Certo che mettergli la moto per cappello non era poi  una idea da non scartare ma tu hai fatto il Signore . :ok:

Si ha chiesto scusa mentre gli facevo la ramanzina, poi ha raccolto diversi pezzi di carbonio della sua moto frutto della collisione con ia gamba di mia moglie e credo anche della pedana passeggero, e se ne è andato con la coda fra le gambe, spero la lezione gli serva per il futuro...

Offline liba

  • Utente d'Elite
  • Post: 3783
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #19 il: 30 Giugno 2020, 19:03:46 »
L'80% dei motociclisti non ha nè storia nè esperienza, hanno la motorona da 25mila euro a rate ed appena ci mettono su il culo si sentono dei velocisti o dei transafricani.

purtroppo tanti di loro fanno o faranno parte dei necrologi del lunedì, se invece hanno culo raccolgono i pezzi di carbonio, ma non so se  avranno mai la testa di capire che la fortuna li ha sfiorati.

ho tanti amici al cimitero, morti in moto, ora sono una lapide sbiadita e spesso dimenticata... [sbadiglio]

ma dico io ma come si fa a comprare una moto da 150 cv, quando fino alla settimana scorsa giravi con lo sputer... [asino[

va bè adesso che ho detto la mia, sono anche contento. :esco:

volentieri vi racconto le mie esperienze, ma non sono mai oro colato. Per cui se volete, ascoltate provate e copiate, ma se poi non va bene.. non voglio nè responsabilità nè giudizi gratuiti. a vostro rischio e pericolo. Vi avevo avvisato

Offline milo

  • Utente d'Elite
  • Post: 1941
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #20 il: 30 Giugno 2020, 20:59:01 »
domenica è venuto un amico a provare il mio wrf. Ci siamo scambiati le moto ed ho provato il suo 990.
Ma io dico...già quella fa paura con 100 cavalli!!!

Ma a che uccello notturno servono ste cavallerie che quando giri un millimetro di manopola sei già a cento all'ora???

Ti scappa uno starnuto in curva, perdi il controllo del gas e sei morto...

Per me solo degli esaltati, 100 cavalli bastano e avanzano

per non parlare in off....ma chi li sa gestire nel brutto quelle potenze li??? :nopanic:

Offline federosso

  • Utente d'Elite
  • Post: 10299
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #21 il: 30 Giugno 2020, 22:01:20 »
Perché proprio 100 e non 25?

 :rotolol:

Dalle mie parti le statistiche sono diverse.
A me risulta che l'unico motociclista vero sono "IO"... Il resto del mondo è tutta gente che compra moto solo per sopperire ad altre mancanze.
 :up: :up:
...Infatti quando poi guidi una moto "tua" ti sembra sempre di essere riuscito a migliorare le cose che non ti piacevano, e anche se...non è così, si gusta più serenamente la guida! eggià... (Duc27)

Offline milo

  • Utente d'Elite
  • Post: 1941
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #22 il: 30 Giugno 2020, 22:07:35 »
dico 100 perchè ho provato quella ed io non sarei in grado di gestirla una moto del genere a cannone!!

Ma se tu lo sei sono contentissimo per te... :rotolol: :rotolol: :ita :ita

Offline federosso

  • Utente d'Elite
  • Post: 10299
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #23 il: 30 Giugno 2020, 22:13:32 »
Non lo sono...

Ma c'è anche chi lo può essere.

Sopratutto non penso che sia "IO" l'asticella per definire il piacere che ha un altro a avere o guidare un veicolo che per qualche ragione tecnica o estetica lo possa appagare.
...Infatti quando poi guidi una moto "tua" ti sembra sempre di essere riuscito a migliorare le cose che non ti piacevano, e anche se...non è così, si gusta più serenamente la guida! eggià... (Duc27)

Offline milo

  • Utente d'Elite
  • Post: 1941
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #24 il: 30 Giugno 2020, 22:54:27 »
e infatti l'asticella non sei tu ma i limiti di legge che dovrebbero essere 90 km/h, e che queste moto raggiungono in prima :fuma:

Offline bigbore

  • Utente d'Elite
  • Post: 5391
  • Sesso: Maschio
  • Skype: GILERA GSA uber alles
Re:Piloti della domenica
« Risposta #25 il: 30 Giugno 2020, 23:38:16 »
saranno tre settimane allincirca.... strade di campagna che passano tra risaie e mais, pianeggianti ma curvanti, quasi sempre sgombre e ben poco trafficate... io col mio furgoncino vado per la mia strada non proprio tranquillo ma per uno che conosce la strada palmo a palmo i 90 all'ora si fanno anche senza essere manici, quanto basta a far lavorare un pochino le gomme :fuma:.
Scooterone che trova insopportabile la mia presenza a fare da tappo e mi sorpassa. Lo vedo due curve dopo andare nella risaia per via della insidiosa curva in contropendenza con lieve scollinamento e sconnesso che ruote piccole non digeriscono bene.... i dueruotisti che lo sanno si spostano a sx per evitare lo sconnesso e rallentano un poco prima del punto critico, ruota posteriore appena in tiro e via così.
Lui no... ho visto quella massa serpeggiare prima di allargare la curva e mettere le ruote sull'erba, da li in poi sei già per terra, anzi nel fango della risaia.
Mi fermo e lo aiuto a ripigliarsi un attimo e tirare fuori dalla palta lo scooterone, a un certo punto mi dice: "non so cosa mi ha preso... non mi sembrava di andare così forte"

Offline federosso

  • Utente d'Elite
  • Post: 10299
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #26 il: 01 Luglio 2020, 06:50:57 »
e infatti l'asticella non sei tu ma i limiti di legge che dovrebbero essere 90 km/h, e che queste moto raggiungono in prima :fuma:

Asp.

Quindi il limite di cui parlavi non sono più i 100cv ma i limiti di 90km/h?

Mmmm, quindi basta possedere/guidare un bi4 per far parte dell'80% di "piloti" incoscienti?
 :fuma:

Tra l'altro mi era anche sfuggito che l'80% di motociclisti scellerati guida moto da 25.000euro.
E c'è chi parla di crisi!
 ;)

Dai, ma di cosa parliamo?  :fiufiu:

Purtroppo ci sono i dementi e purtroppo coinvolgono persone innocenti.
 
Però smettiamola di porci tutti come santi riferendosi solo alle potenze o al costo dei mezzi degli "altri".
Forse nel forum sono concentrati tutti i piloti che su strada vanno nei limiti di legge e di coscienza con moto originali non modificate?! 

:rotolol:

Mi sembra tutto molto forzato.

Il vero problema è di educazione.

Di incidenti causati da moto con 20cv, o da 1500euro, credo proprio che ce ne siano, e ce ne siano stati, a vagonate.

« Ultima modifica: 01 Luglio 2020, 09:47:08 da federosso »
...Infatti quando poi guidi una moto "tua" ti sembra sempre di essere riuscito a migliorare le cose che non ti piacevano, e anche se...non è così, si gusta più serenamente la guida! eggià... (Duc27)

Offline Apelle

  • Utente d'Elite
  • Post: 6242
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #27 il: 01 Luglio 2020, 08:54:16 »
Sì Fede, sono completamente d'accordo con te sul principio che stai cercando di affermare, ma il topic è sui *piloti* della domenica, cioè su quella particolare categoria di motociclisti che, per definizione, escono in strada attrezzati come per un gp e, su quella strada, vanno proprio come se stessero dentro un gp.

Che già di per sé è cosa estremamente criticabile.
E al di là dei luoghi comuni di maniera e le percentuali più o meno forcaiole, non si puó ignorare che questi personaggi NON sono una minoranza.
E che sono pericolosi, tanto pericolosi.

E anche se sono pronto a concedere che forse sono, per questioni meramemte numeriche, meno pericolosi dei  "semplici" sputeristi come quello riportato dal Bigghe, sono tuttavia MOLTO più censurabili poiché mentre lo sputerista è esattamente l'imbecille ignavo che "non credevo...", il pilota della domenica è proprio una grandissima testa di c@zzo che esce in strada per affermare il suo miserabile ego e per riuscirci, fa CONSAPEVOLMENTE cose da codice penale, del tutto irrispettoso del fatto che oltre che a sé stesso, rischia seriamente di fare del male anche ad altri.

Non sono due figure equivalenti.
Entrambe parimenti inscusabili, ma in un ipotetico tribunale ci sarebbe tra i due la differenza tra la colposità dello sputerista e il dolo vero e proprio del pilota della domenica.
« Ultima modifica: 01 Luglio 2020, 08:56:46 da Apelle »
"dicono che quelli con gli occhi azzurri hanno la testa piena d'acqua... pensa quelli con gli occhi marroni"

Offline federosso

  • Utente d'Elite
  • Post: 10299
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #28 il: 01 Luglio 2020, 09:43:04 »
Sì Fede, sono completamente d'accordo con te sul principio che stai cercando di affermare, ma il topic è sui *piloti* della domenica, cioè su quella particolare categoria di motociclisti che, per definizione, escono in strada attrezzati come per un gp e, su quella strada, vanno proprio come se stessero dentro un gp.

...

Infatti condivido le osservazioni sull'imbecillità, ci sono due punti che nei vari interventi ho trovato discutibili:

- collegare l'imbecillità al mezzo posseduto per tipo e valore
su questo punto non transigo.  [sad]

Tra l'altro non è venuto fuori ma ne abbiamo parlato altre volte:
sai che se vogliamo fare statistiche, almeno per quello che è la mia esperienza, ho avuto a che fare anche con tanti imbecilli in off ai tempi che mi ero appassionato al trekking a cavallo?

Cioè, si torna lì, non è colpa dei cv o dei millemila euro spesi per il veicolo... è educazione.

- creare il parallelo tra qualità del "pilotaggio" tra strada e pista. "non vanno in pista perchè in realtà sono *fermoni* ".
A questo riguardo purtroppo, da *fermone pistaiolo* che sporadicamente sono , devo dire che è esattamente il motivo per cui poi tanti ragazzi non si avvicinano alla pista (oltre ai costi).
Sai quanti ne conosco che non fanno il passo di andare in pista proprio perchè temono di essere giudicati come *fermoni*?
Ovvio che gli organizzatori devono cercare di creare turni suddivisi e incentivare corsi preturno, etc.
Ma anche gli altri pistaioli esperti se non sono dei pro dovrebbero avere un pensiero di riguardo verso chi (indipendentemente dal mezzo che si sono potuti permettere) decide di sfogarsi lì piuttosto che in strada.
Insomma, in alcuni passaggi ho percepito tanto "machismo motoristico". Della serie: se vai forte in strada sei un cretino...se vai in pista e non vai forte sei un "cretino" ...

Invece nel tuo passaggio, che ho citato, concordo a mille sulla frase " vanno proprio come se stessero dentro un gp" ma mi trovo in disaccordo con la frase " escono in strada attrezzati come per un gp" (immaginando che ti riferisci all'abbigliamento e cose simili).

Quindi, ma non credo che ci sia bisogno di ribadirlo, sono dispiaciuto per l'esperienza di mototopo e solidale a lui.
Ma cerchiamo di non generalizzare troppo. Sopratutto, e qui è il difficile, riconosciamo che c'è pure un modo di guidare svelti, non nei limiti del codice per dirla tutta, e tenere comunque un comportamento sufficientemente civile.

« Ultima modifica: 01 Luglio 2020, 09:49:57 da federosso »
...Infatti quando poi guidi una moto "tua" ti sembra sempre di essere riuscito a migliorare le cose che non ti piacevano, e anche se...non è così, si gusta più serenamente la guida! eggià... (Duc27)

Offline Mototopo

  • Nuovo Utente
  • Post: 69
Re:Piloti della domenica
« Risposta #29 il: 01 Luglio 2020, 10:56:19 »
Sì Fede, sono completamente d'accordo con te sul principio che stai cercando di affermare, ma il topic è sui *piloti* della domenica, cioè su quella particolare categoria di motociclisti che, per definizione, escono in strada attrezzati come per un gp e, su quella strada, vanno proprio come se stessero dentro un gp.

...

Infatti condivido le osservazioni sull'imbecillità, ci sono due punti che nei vari interventi ho trovato discutibili:

- collegare l'imbecillità al mezzo posseduto per tipo e valore
su questo punto non transigo.  [sad]

Tra l'altro non è venuto fuori ma ne abbiamo parlato altre volte:
sai che se vogliamo fare statistiche, almeno per quello che è la mia esperienza, ho avuto a che fare anche con tanti imbecilli in off ai tempi che mi ero appassionato al trekking a cavallo?

Cioè, si torna lì, non è colpa dei cv o dei millemila euro spesi per il veicolo... è educazione.

- creare il parallelo tra qualità del "pilotaggio" tra strada e pista. "non vanno in pista perchè in realtà sono *fermoni* ".
A questo riguardo purtroppo, da *fermone pistaiolo* che sporadicamente sono , devo dire che è esattamente il motivo per cui poi tanti ragazzi non si avvicinano alla pista (oltre ai costi).
Sai quanti ne conosco che non fanno il passo di andare in pista proprio perchè temono di essere giudicati come *fermoni*?
Ovvio che gli organizzatori devono cercare di creare turni suddivisi e incentivare corsi preturno, etc.
Ma anche gli altri pistaioli esperti se non sono dei pro dovrebbero avere un pensiero di riguardo verso chi (indipendentemente dal mezzo che si sono potuti permettere) decide di sfogarsi lì piuttosto che in strada.
Insomma, in alcuni passaggi ho percepito tanto "machismo motoristico". Della serie: se vai forte in strada sei un cretino...se vai in pista e non vai forte sei un "cretino" ...

Invece nel tuo passaggio, che ho citato, concordo a mille sulla frase " vanno proprio come se stessero dentro un gp" ma mi trovo in disaccordo con la frase " escono in strada attrezzati come per un gp" (immaginando che ti riferisci all'abbigliamento e cose simili).

Quindi, ma non credo che ci sia bisogno di ribadirlo, sono dispiaciuto per l'esperienza di mototopo e solidale a lui.
Ma cerchiamo di non generalizzare troppo. Sopratutto, e qui è il difficile, riconosciamo che c'è pure un modo di guidare svelti, non nei limiti del codice per dirla tutta, e tenere comunque un comportamento sufficientemente civile.

Fede concordo con te che non si deve criminalizzare chi ha moto potenti o esce abbagliato di tutto punto, ci mancherebbe,  anzi riguardo a quest'ultimo punto dico che più protezioni si indossano più si è sicuri di riportare la pelle a casa
Io mi accanisco solamente contro gli imbecilli che scambiano la strada per la pista e continuo ad essere d'accordo con te che c'è modo di guidare svelti senza eccedere in atteggiamenti da censurare su strada.