Autore Topic: Perché comprarla classic di OmniMoto.it  (Letto 376 volte)

Offline Matte

  • Utente d'Elite
  • Post: 5315
  • Sesso: Maschio
  • Tiratore scelto Stron.o
Re:Perché comprarla classic di OmniMoto.it
« Risposta #15 il: 13 Dicembre 2020, 13:41:14 »
Mi correggo, sono andato a riguardare le schede.
L'inclinazione del cannotto ė la stessa per le tre sorelle.
Cambia ovviamente l'avancorsa.
Scusate
Esatto, non cambia l'angolo dello sterzo bensì l'offset delle piastre e quindi l'avancorsa per compensare la ruota di diametro minore e recuperare così stabilità visto che la moto era  diventata troppo sottosterzante.
Ciao
Paolo
Perché sono qui? Gilera KZ 125

Offline Topogigi

  • Utente d'Elite
  • Post: 3189
  • Sesso: Maschio
Re:Perché comprarla classic di OmniMoto.it
« Risposta #16 il: 13 Dicembre 2020, 14:34:52 »
Confermo che la Nordwest (in assetto originale) è già al limite con le quote, la moto è molto agile fin troppo, al punto che sfilando le forche anche di solo 5mm sui tornanti si sente la fastidiosa tendenza a chiudere, eppoi si perde pure in trazione.
Usa la TESTA, Luke...

Offline DakoBox

  • Global Moderator
  • Utente d'Elite
  • Post: 2392
  • Sesso: Maschio
  • Siamo ugualmente nudi sotto gli abiti più diversi
Re:Perché comprarla classic di OmniMoto.it
« Risposta #17 il: 13 Dicembre 2020, 15:40:50 »
Se leggete la lettera scritta dal Ciancaro ad un appassionato neozelandese in cui spiegava il clima di origine e l'effettiva messa in opera del NW in Gilera (e che mi ha permesso di "stanarlo" dal limbo in cui voleva stare qui in Italia in quanto figura di spicco di un'altra marca di cui probabilmente in segno di rispetto, non voleva esaltare il gigantismo di bimbo della ditta per cui operava precedentemente al confronto del nanismo di gigante della sua azienda attuale), è lampante la povertà di risorse, il comportamento "carbonaro" operativo volto a dribblare la miopia consueta del gigante esagonale incapace di fare programmi a lungo termine e legato alla filosofia del tuttoesubito che nel tempo ha distrutto miliardi e marchi (Gilera,Bianchi,Derbi,ecc) e portato in terapia intensiva altri ( Guzzi,Aprilia).
da quel racconto si evince la pervicacia di pochi uomini intenzionati a sondare in anteprima un terreno sconosciuto quale il motàrd d'oltralpe in cui si snatura un veicolo destinato al fuoristrada dotandolo di ruote e sospensioni stradali e trovando in lui , contrariamente a quanto ipotizzabile, un'arma fantasticamente efficace in grado di dominare veicoli specificatamente creati per l'uso stradale, il tutto utilizzando non il lavoro tipico di un tecnico e del suo antro ma cercando il connubio fra l'idea e la fabbrica, l'industria.
L'idea in sè , come anche detto nell'ottimo servizio in topic , era sensazionale e troppo avanti con i tempi, tant'è che anche nelle riviste più blasonate (una su tutti, Motociclismo) non si capì la genialità dell'intuizione e nelle recensioni si tentava di capire il veicolo utilizzando metri non consoni tipo critiche sulla difficoltà di gestione in fuoristrada o scarsa altezza da terra (!) ma tale reazione era anche dovuta al fatto che i primi a non credere all'idea erano gli stessi gestori  (si badi, non i genitori) dell'idea stessa che non si preoccuparono minimamente di esplicarla, promuoverla, probabilmente in quanto erano i primi a non averla compresa.
La tanto odiata e non in acque tanto buone KTM, ha trovato nel far sua quest'idea l'ancora di salvezza solo per averla perfezionata, sia in termini tecnici che di marketing visto che alla fine hanno sviluppato un motore 4t partendo da una base 2t (decisamente prestante ma di robustezza infinitesimale confrontandolo col Bi-4 , un motore che, nonostante tutto, non ha mai raggiunto una maturità di sviluppo adeguata), curando l'immagine dell'idea stessa e ottenendo un grande successo dato che i numeri di vendita della Duke sono li a dimostrarlo.

Mi sono perso...
volevo solo stigmatizzare e cerco di farlo concentrando i concetti sopra esposti, che il NW è solo un'idea costruita assemblando efficacemente quel che si trovava negli scaffali di Arcore e null'altro.
visitors can't see pics , please register or login


«Mi commuovono le minute sapienze che in ogni trapasso d'uomo si perdono.»  Jorge Luis Borges

Offline bigbore

  • Utente d'Elite
  • Post: 5931
  • Sesso: Maschio
  • Skype: GSA: what else
Re:Perché comprarla classic di OmniMoto.it
« Risposta #18 il: 13 Dicembre 2020, 19:49:46 »
Il mio pur travagliatissimo rapporto col NW mi porta a confermare l'essenza di questa negletta moto e a desiderarne un'altra
Il NW meritava ben altro destino, se gilera avesse resistito ancor qualche annetto (non uccisa a tradimento) forse avremmo potuto avere una evoluzione, (ovviamente realizzata dai "carbonari" Ciancamerla & C). Assieme al motore bicilindrico e alla 600 supersport con il nordwest EVO gilera poteva mantenersi in vita.
Ormai è fatta... e tocca a noi appassionati arrabattarci non solo a combattere contro le sempre più stringenti limitazioni e difficoltà revisionatorie, di ricambi sullo "scarso" ma anche a cercare di andare oltre i limiti di quanto fatto a suo tempo "con gli avanzi" tant'è che un NW originale in tutto e pure marciante è più una moto da esposizione al museo o qualche sporadica manifestazione, da usare con ogni riguardo come una moto degli anni '20.
Moto da uso sporadico e godurioso... se trovo i soldi me la ricompro.
"Ecci alcuni che altro che transito di cibo e aumentatori di sterco chiamar si debbono, perché per loro alcuna virtù in opere si mette; perché di loro altro che pieni e destri non resta”.