2 Tempi Gilera > 2T - Discussioni Generali

GILERA 50 RALLY vs PUCH CONDOR TRAIL

(1/2) > >>

Salva RC:
Da fan delle macchine Gilera e felice possessore di una piccola Gilera R H2O 50 e RC 600, trovo interessante proporvi questo bellissimo confronto.

Dopo aver visionato il catalogo della Gilera Rally 50 pubblicato da CFASD https://www.gilera-bi4.it/public/forum/index.php/topic,8135.0.html , non posso fare a meno di parlarvi dello spagnolo Puch Condor Trail (che non so se fosse commercializzato in Italia) ma vedendo sia i modelli che le foto, giudicate voi stessi se non sono esteticamente identici, anche se con differenze importanti in termini di motore e equipaggiamento.

Per me la Gilera 50 Rally era una vera sconosciuta fino a quando non l'ho vista in questo forum, dato che non è mai stata commercializzata in Spagna, ma la Puch Condor Trail è una moto molto amata e commercializzata in Spagna (ero il felice proprietario di una Condor III alla mia età di 15 anni, che purtroppo ho dovuto vendere per acquistare la mia attuale Gilera R 50).

Ti parlerò di questo modello Puch Condor 50:

Il Puch Condor Trail era un ciclomotore ad ingranaggi con estetica da pista, commercializzato in Spagna con un discreto successo commerciale all'inizio degli anni '90.

Si trattava sostanzialmente di un'evoluzione del fortunato Puch Condor III prodotto da Avello, SA a Gijón (Spagna) nel decennio precedente, che per problemi di acquisizione del marchio era stato acquistato dal colosso giapponese Suzuki, e per questo motivo la produzione del Puch Condor III dovette cessare le vecchie motociclette che erano state prodotte dal marchio Puch. Le Puch nazionali in Spagna iniziarono ad essere prodotte da Moto Vespa SA (Gruppo Piaggio), e per differenziarle furono ridisegnate esteticamente, con importanti modifiche nell'aspetto esterno, incorporando una carrozzeria integrale completa con un'estetica da trail che, secondo le riviste dell'epoca, si ispirava alla Honda Dominator, ma era comunque identica alla Gilera Rally 50 italiana. La parte meccanica e il telaio subirono solo alcune piccole modifiche rispetto ai suoi predecessori Puch Condor III e il motore non aveva nulla a che fare con la Gilera , poiché era interamente raffreddato ad aria Puch.

La curiosità è però evidente che la carrozzeria dello spagnolo La Puch Condor Trail fosse stata prelevata dall'italiana Gilera Rally 50 o R1 50, anch'essa appartenente al gruppo Piaggio.

Tutto questo si può capire se ne vediamo l'origine, poiché negli anni '80 (del '900) il gruppo Piaggio, proprietario anche di Moto Vespa Spagna, aveva acquisito il marchio austriaco Puch, tanto che dal 1990 i ciclomotori Puch prodotti in Spagna furono prodotto a Madrid dallo stabilimento Motovespa.

I suoi rivali all'epoca erano la Derbi FDS Savannah, la Suzuki DR Big50, la Rieju Drac e pochi altri. Poi ce ne sono stati altri molto meno comuni, come il Macal Junior, il Motor Hispania, il GAC Winner e il nuovo Gilera 50 R H2O (di cui sono un felice proprietario).

La carrozzeria è in plastica ABS, ha un piccolo parabrezza nella parte superiore della carenatura. Il faro anteriore, ha una protezione con griglia ed è integrato nella cupola, dietro non aveva il cruscotto, come se avesse il Suzuki DR-Big, cosa che mancava, come optional si poteva montare un semplice tachimetro con un kilometro (marca Puch opzionale). Il serbatoio del carburante, realizzato in plastica infrangibile, aveva una capacità di 6,5 litri (0,5 litri di riserva), che gli conferiva una grande autonomia.

Le sospensioni avevano una forcella anteriore telescopica idraulica con 180mm di escursione, e al posteriore un forcellone con monoammortizzatore idraulico marca IDEAL, sempre con 180mm di escursione. La sezione dei freni ha un freno a disco idraulico da 220 mm di diametro sulla ruota anteriore, mentre il freno a tamburo ad espansione interna da 110 mm e il comando meccanico dell'asta sono stati mantenuti per la ruota posteriore.

Il motore era lo stesso di quello montato sul vecchio Puch Condor III, ma dotato di accensione elettronica e prodotto dal gruppo Piagio, nello specifico nei magazzini Gilera di Arcore (Italia). Si tratta di un monocilindrico, due tempi, raffreddato ad aria, con gruppo termodinamico ad alettatura verticale, e che conserva il vecchio sistema di aspirazione per il mantello del pistone. Come caratteristica di questo motore, si può notare che la campana della frizione si trova sull'albero motore stesso, quando solitamente si trova sull'albero primario. Questo porta a ridurre le dimensioni della campana per non aumentare eccessivamente le dimensioni del carter, ed in pratica si avverte solo un suono acuto più acuto quando si tira la leva della frizione. Il cambio è a 4 velocità con comando a leva sul piede sinistro, la punta è articolata per evitare rotture in caso di cadute.

MODIFICHE:
Poiché il Condor proveniva dalla fabbrica, con il cilindro standard da 49 cc a 4 travasi raffreddato ad aria, carburatore Dell Orto SHA 12/12 e scarico di fabbrica, la potenza disponibile era di soli 2 CV a 5.500 giri / min, secondo la pubblicità del produttore Condor. . Le prestazioni erano ovviamente piuttosto modeste, con una velocità massima di circa 60-65 km/h.

Ma pochi spagnoli furono quelli che lasciarono la Puch in quelle condizioni, e la prima cosa che si faceva di solito era cambiare il carburatore con un Amal da 16/16mm o 18/18mm, erano carburatori molto semplici ma permettevano varie regolazioni, dato che avevano con 3 fessure per regolare l'altezza dello spillo, vite di regolazione dell'aria e cambio getto, per l'avviamento era per mezzo di un primer, è partita la prima volta ma ha lasciato la mano puzza di benzina. Il cambio del carburatore fece aumentare notevolmente la potenza.

A quel tempo in Spagna, le motociclette da 50 cc non superavano nemmeno l'ispezione tecnica dei veicoli e non c'era quasi alcun controllo su di loro, quindi i veri miracoli dei preparativi potevano essere fatti senza ITV.

Un'altra modifica che è arrivata insieme al carburatore è stata quella di allungare gli sviluppi, veniva fornito con un pignone di trasmissione da 12 denti e una corona da 45 denti di serie, la cosa più immediata è stata mettere una corona da 38 denti (si potrebbe anche mettere con 36 denti), un altro L'opzione era quella di mettere un pignone con 13 denti, che era il massimo consentito (equivalente a 3 denti in meno rispetto alla corona). Quando si cambia la corona abbiamo dovuto rimuovere le maglie dalla catena.

L'elemento successivo di grande importanza è stato il cambio del tubo di scarico, alcuni modelli come la Yasuni Bufanda hanno aggiunto circa 1 CV in più, con una curva più affilata, e più allungata (più giri massimi). I Tubarros possono essere posizionati sopra (tipo sciarpa) o sotto come quelli trasportati dalle motociclette da strada. I marchi più comuni per questa bici erano i tubi Yasuni e Metrakit.

Con queste modifiche le prestazioni aumentavano notevolmente, così come i consumi, ma l'affidabilità del motore non veniva compromessa, anzi permetteva addirittura di circolare più comodamente.

E la ciliegina sulla torta per potenziare il motore è stata la sostituzione del cilindro, che ha comportato l'acquisizione di un kit fornito con cilindro, pistone, spinotto, gabbia dell'ago e set di guarnizioni, che ha consentito di effettuare facilmente la modifica. A volte si consigliava anche di cambiare la testata per evitare di aumentare eccessivamente il rapporto di compressione. Questo cilindro aveva un diametro del cilindro maggiore (la corsa rimaneva costante), che permetteva l'aumento della cilindrata, erano forniti con 65cc, 74cc e anche 80cc. Inoltre, questi kit avevano cilindri con un numero maggiore di travasi, che andava da 4 a 5, 6 o 7, gallerie di passaggio più grandi e luci di scarico più grandi, a volte divise in due, oppure una centrale con luci di tipo boost. Alcuni avevano anche il biglietto d'ingresso. I pistoni erano migliori, forgiati e alleggeriti, di marca Manhle o altri. I produttori di questi Kit erano Autisa, Metrakit e Gilardoni (quest'ultimo era una delizia ITALKIT / GILARDONI, che è quello che montavo ai suoi tempi in 74 cc).

Con tutte queste migliorie, la Puch Condor sembrava una macchina molto diversa e la potenza poteva tranquillamente superare i 10CV, e la velocità massima 100km/h, ma i consumi e talvolta l'affidabilità ne risentivano negativamente se la meccanica non veniva curata e controllata maggiormente, sebbene questo nel caso del Puch fosse francamente durevole e forte.

Insomma, anche se esteticamente uguali, e meccanicamente molto diversi, ho trovato interessante fare questo confronto tra le piccole Gilera 50cc e Puch (scusate se ho allungato troppo).

Oggi in Spagna i Puch Condor 50cc sono moto molto amate e oggetti da collezione, il Condor Trail è stato l'ultimo modello Puch ad essere venduto in Spagna, poi è scomparso per sempre.

Vorrei che fosse stata venduta anche la Gilera Rally 50, perché è anche bella e avrebbe avuto molto successo.

Saluti dalla Spagna.

federosso:
Interessante,

Mi ha incuriosito il motore che non conoscevo e la nota sul Suzuki 50.

Il motore immagino fosse comune ad altri modelli.
Chi lo faceva?

Tizio.8020:

--- Citazione da: federosso - 02 Giugno 2022, 05:22:54 ---Interessante,

Mi ha incuriosito il motore che non conoscevo e la nota sul Suzuki 50.

Il motore immagino fosse comune ad altri modelli.
Chi lo faceva?

--- Termina citazione ---


Il motore era lo stesso di quello montato sul vecchio Puch Condor III, ma dotato di accensione elettronica e prodotto dal gruppo Piagio, nello specifico nei magazzini Gilera di Arcore (Italia).

Matte:
Molto interessante questo parallelo, grazie per averlo scritto :walker:

federosso:

--- Citazione da: Tizio.8020 - 02 Giugno 2022, 10:42:22 ---
--- Citazione da: federosso - 02 Giugno 2022, 05:22:54 ---Interessante,

Mi ha incuriosito il motore che non conoscevo e la nota sul Suzuki 50.

Il motore immagino fosse comune ad altri modelli.
Chi lo faceva?

--- Termina citazione ---


Il motore era lo stesso di quello montato sul vecchio Puch Condor III, ma dotato di accensione elettronica e prodotto dal gruppo Piagio, nello specifico nei magazzini Gilera di Arcore (Italia).

--- Termina citazione ---

In effetti spiegato male,
Escluso i rammentati , ovvero condor e suo sostituto, era utilizzato su altri veicoli?
E, mi era sfuggito, era quindi un motore "piaggio" a tutti gli effetti o a sua volta ripreso?

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa