Autore Topic: GILERA RC 50 TOP RALLY vs GILERA RT 50cc TOP TRAIL  (Letto 110 volte)

Offline Salva RC

  • Nuovo Utente
  • Post: 26
  • Sesso: Maschio
  • Gilera RC 600 y Gilera R H2O
GILERA RC 50 TOP RALLY vs GILERA RT 50cc TOP TRAIL
« il: 06 Giugno 2022, 23:54:31 »
Da fan delle macchine Gilera e felice possessore di una piccola Gilera R H2O 50 e RC 600, trovo interessante proporvi questo interessante confronto.

Dopo aver visto il catalogo della GILERA RC 50 TOP RALLY pubblicato dal collega CFASD, non posso non parlare della GILERA RT FUN 50cc "made in SPAIN", che iniziò ad essere commercializzata in Spagna alla fine del 1990. Vedere le foto Di i modelli che andrò a posizionare, giudicate voi stessi se esteticamente non sono identici tranne che per il faro principale, anche se con differenze importanti in termini di motore e equipaggiamento che ora commenterò:

GILERA RT 50cc TOP TRAIL "FUN":

È stato il primo modello lanciato con il marchio GILERA in Spagna e ha segnato il decollo di GILERA nel settore dei ciclomotori 50 cc. Diretto rivale di Rieju, Suzuki, Derbi, Puch (del gruppo Piaggio e in procinto di scomparire come il marchio Puch in Spagna) come cito in questo post https://www.gilera-bi4.it/public/forum/index .php/topic,24145.0.html il Gilera RT TOP TRAIL è stata una vera rivoluzione, soprattutto a livello estetico grazie alla sua carenatura integrale e alla sua estetica moderna in generale. Ma anche così, sebbene GILERA avesse un'ottima reputazione nella 125cc (la RC 125cc Top Rally era già in commercio), 250cc, 500cc e 600cc (con la mitica RC 600) nella 50cc iniziò allora a distinguersi in Spagna.

La Gilera RT FUN “giocava” nel team motori Franco Morini, e fu lanciata per la prima volta su questo modello Gilera.

Questo piccolo monocilindrico, ha un cilindro in alluminio Gilardoni raffreddato ad aria, e una cilindrata di 49,9 cc grazie ad un alesaggio/corsa di 39×41,8 mm. La potenza è fornita da un carburatore Dell'Orto SHA 12/12 ed ha aspirazione lamellare, accensione elettronica 30w-12v, kick start e un cambio che -come si può intuire dal nome- aveva le 4 velocità di trasmissione finale a catena.

La potenza dell'elica era di 5,7 CV a 8500 giri/min, una potenza abbastanza seria per questo piccolo "grinder", che era anche facile aumentare se si manometteva alimentazione e scarico, cosa molto comune che veniva fatta senza quasi nessun vincolo, per non parlare se abbiamo cambiato il cilindro originale con uno più grande, in particolare un kit motore Gilardoni 74cc. Prevedo che non era necessario, poiché le sue caratteristiche standard erano già di tutto rispetto per un semplice ciclomotore. Infatti GILERA è arrivata in 50cc e ha trionfato con questo motore!!! Era duro, rabbioso, aveva molti bassi e, modificando i denti di trasmissione, girava un bel po'.

Il telaio è una semplice culla divisa in acciaio, così come il suo forcellone. I componenti della parte ciclo sono molto semplici, ma efficaci, grazie soprattutto a dichiarare un peso a secco di soli 60 kg.

La forcella anteriore è di tipo convenzionale, ma le sue barre erano ricoperte da soffietti di plastica che davano alle barre un'immagine di forza che in realtà mancava, poiché era facile piegarle; non era nemmeno regolabile, ma aveva una corsa generosa come una buona mini enduro da 230 mm. Il monoammortizzatore posteriore (di origine PAIOLI) è direttamente ancorato al forcellone -senza biellette- con serbatoio del gas, in questo caso l'escursione della ruota posteriore è di 180 mm.

La sezione dei freni è quella che meno mi è piaciuta di questa moto per via del tamburo posteriore da 110 mm -in un periodo in cui si cominciavano a montare anche i freni a disco posteriori sui ciclomotori-, anche se frenare grazie alla sua leggerezza non era un grosso problema, soprattutto perché l'attrezzatura anteriore aveva abbastanza presa grazie a un disco da 220 mm con pinza a pistoncino singolo.

Tuttavia, la Gilera RC 50cc ha già quei bellissimi freni a disco posteriori.

Anche il freno anteriore era coperto da un copridisco che, come i soffietti della forcella, pur non essendo essenziali, gli dava quell'"aura" di grande motocicletta che si cominciava a sognare quando ero solo un bambino in quel momento. . ., e a sua volta ha migliorato la sua protezione contro polvere e fango se lo abbiamo pasticciato a causa del marrone.

A livello di equipaggiamento, la moto aveva un quadro strumenti abbastanza completo per l'epoca (il quadro strumenti di quella Gilera RT era anche una rivoluzione) e quanto erano spartani su moto di questo tipo, equipaggiando tachimetro, contachilometri, contagiri e spie neutre, luci, ecc.

Tuttavia, il telaio della Gilera RC era molto bello e più completo, poiché aveva un termometro e un indicatore dell'olio, cosa che la RT FUN non è mai riuscita ad equipaggiare.

Il motore era caratterizzato da un calcio potente quando la moto era al top della sua gamma di utilizzo. Lo diceva già la pubblicità dell'epoca: "RT FUN, IT HAS PUSH".

Dinamicamente era una moto che sembrava molto leggera, qualcosa che era l'ideale per muovere i primi passi in moto, anche se le sue dimensioni la facevano sembrare una moto di cilindrata maggiore se non si guardava alle viscere, come la RC 50cc con la sua estetica dakariana. Ed è per questo che esteticamente ha attirato molta attenzione quando è uscito per la prima volta sul mercato spagnolo.

Insomma, e dopo avervi raccontato una breve storia delle RT FUN, esteticamente e nel confronto con la RC 50cc, sono moto quasi identiche in termini di carene e telaio, nonostante le variazioni in termini di motore e potenza, equipaggiamento (posteriore RT freno a tamburo davanti al disco RC, quadro strumenti, scarico che nella RT FUN era una LaFranconi con protezione laterale, miscela olio 2T manuale, senza indicatori di direzione o batteria e con avviamento a pedale, ecc), sebbene la RT FUN se avesse una maniglia del portapacchi posteriore completamente in metallo, eliminando i fragili supporti in plastica per le mani, la copertura del disco anteriore e la protezione laterale della forcella, e da notare che la copertura integrale della catena è stata ereditata dal summenzionato PUCH CONDOR TRAIL, e poco altro tranne il faro mono quadrato rispetto al la preziosa ottica a doppio faro della RC 50cc. Né montava le pedane posteriori, e i pedali di trascinamento che erano serviti a tale scopo (accessorio che non valeva, perché in caso di guasto chi andava a pedalare con esso...)

Per quanto riguarda la sua commercializzazione, è stata sul mercato per circa 2 anni e ha vissuto nel suo fine produzione con i nuovi più moderni modelli della serie R H2o (la mia moto, di cui vi parlerò in un altro confronto). Veniva commercializzato solo in bianco con la seduta verde e le sue caratteristiche figurine di molti colori, da qui il "FUN" o divertente. Ma è evidente che i modelli italiani sono sempre arrivati ​​molto più equipaggiati e avanzati rispetto ai modelli arrivati ​​in Spagna (i freni a disco anteriori e posteriori e il sistema di accensione intermittente ea batteria sono ovvi motivi per quella differenza di finiture)

Spero che il confronto vi sia piaciuto e spero di portare un po' più di saggezza nel forum.

Un cordiale saluto a tutti dalla Spagna e vi lascio le foto della RT TOP TRAIL "FUN" anche nella sezione depliant.