Categoria Generale > Discussioni Generali

Conoscere,ricordare ed essere grati (la nascita del bi4)

(1/4) > >>

DakoBox:
Se ne son dette tante, l'abbandono della Piaggio non ha certo aiutato a far chiarezza, addirittura si dice che non si siano tenuti nemmeno i progetti originali e che sia stato tutto mandato al macero con la chiusura di Arcore, ma del Bi-4 si deve cercare tutto quanto sia possibile per documentarne la storia.

Allora mi son messo a cercare nelle librerie,internet,formulare richieste via e-mail, e nel breve tempo di un annetto mi son dato qualche spiegazione.

Per esempio:qualcuno sa il nome del progettista del Bi-4?
Ora io lo so: grazie a poche stringate parole scritte su un recente numero di Legend Bike ad opera di Sandro Colombo (uno degli ingegneri che han fatto la storia motociclistica italiana) ,il nome di Bossaglia, Cesare Bossaglia è venuto fuori.

Mi direte: chi è costui?
Un Genio.
Nella sua carriera ha progettato 112 motori di ogni genere partendo da un foglio bianco, e molti di questi conosciutissimi : ad esempio il 1500 boxer dell'Alfa Romeo che ha equipaggiato l'Alfasud,l'Alfa 33.
Ha progettato motori motociclistici (fra cui il Parrilla 175 camma rialzata che ,ad osservarlo bene, sembra un Bi-4 "antico")
Oppure motori da motonautica,di aerei,di Kart.

Negli anni '80 ,dopo aver lasciato l'Alfa Romeo,acquisita da Fiat, decide di fondare la IAME a Zingonia (Bg) e di collaborare con essa per lo sviluppo dei motori Kart e per sviluppare commesse esterne.
Aprì uno studio tecnico a Cernusco S/N dove avviò una monumentale serie di progettazioni fra cui una commessa di Gilera per un 4T monocilindrico di 350 cc.

Assieme al collaboratore Grana della IAME costruirono un prototipo che ,a differenza del "nostro" motore, aveva le valvole comandate direttamente dagli assi a cammes tramite bicchierini con pastiglia calibrata e pulegge della distribuzione più piccole.

Il motore, nonostante le prestazioni notevolmente superiori ad analoghe realizzazioni delle case concorrenti, venne accantonato (probabilmente in quanto Gilera si trovava in una profonda crisi di vendite e di incassi data dalla vetustà dei modelli prodotti -Tg1,Tg2,Tg3 ecc).

In Seguito,in virtù dei lusinghieri successi di vendita dati dai modelli RX ed RV del 1984 e dai conseguenti maggiori introiti, ad Arcore (e,specialmente,a Pontedera) si ricominciò a pensare al 4T.

Inizialmente, grazie alla proposta di Marino Abbo - rappresentante Gilera di Genova e importatore delle moto giapponesi Kawasaki, si arrivo quasi alla definizione di un contratto di assemblaggio ad Arcore della enduro monocilindrica KLR e del conseguente utilizzo della stessa unità propulsiva anche per un modello Gilera.

Grazie all'interessamento del sopracitato Sandro Colombo, che lavorava come consulente in Gilera,e che convinse i vertici capitanati da Lucio Masut a desistere dall'idea di trasformare la fabbrica di moto italiane più antica in una succursale di assemblaggio Kawasaki , si rispolverarono i progetti di Bossaglia,in quanto qualitativamente migliori del motore ittero.

l'unico problema del motore di Bossaglia era l'eccessiva altezza e la scarsa durata della cinghia di distribuzione.
Si rimediò al primo difetto eliminando i bicchierini ed adottando una distribuzione con i conosciuti bilancieri a dito che permisero l'allargamento delle cammes e il loro abbassamento.
Il secondo problema si risolse aumentando il diametro del pignone della cinghia sull'albero motore e, grazie anche alla prima modifica che aumentava lo spazio fra gli assi, delle due pulegge dentate sulla testa (creando così la consueta forma del carter distribuzione a "orecchie di Topolino" )

Per il resto il motore non venne toccato: era nato il Bi-4 che cominciò a girare per le strade con il modello Dakota del luglio 1986.

Tristemente,il "Papà" del Bi-4 non vide mai la sua creatura finita in quanto morì per una grave malattia nel 1985..a noi un doveroso ringraziamento che dovremmo dedicargli ogni qualvolta mettiamo in moto il prodotto del Suo Genio...grazie, Cesare....

DAKOBG:
Grazie, Dakobox ottima documentazione e molto utile. Proprio una bella ricerca. :ok:

kanaka:
Perfetto... thanks

duc27:
Veramente grazie Cesare!!!
Anche a Te Dakobox perchè quaeste sono assai più di semplici notizie, ma rappresentano sempre il fondo vero della nostra passione...che è fatta uomini siano loro Tecnici siano degli appassionati!!!
Intervento molto importante il Tuo e di grande spessore!
Complimenti e grazie!

Renato67:
Grazie mille della dedizione con cui hai effettuato la ricerca!

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa