Autore Topic: Piloti della domenica  (Letto 3464 volte)

Offline Topo gigi

  • Nuovo Utente
  • Post: 190
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #90 il: 24 Agosto 2020, 21:56:35 »
Apelle, capisco la tua posizione ma non mi pare giusto che chi guida con criterio si debba privare del piacere di continuare a utilizzare il proprio mezzo perché si trova in difficoltà a causa di qualche cretino.

Offline Apelle

  • Utente d'Elite
  • Post: 6500
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #91 il: 24 Agosto 2020, 22:14:37 »
Apelle, capisco la tua posizione ma non mi pare giusto che chi guida con criterio si debba privare del piacere di continuare a utilizzare il proprio mezzo perché si trova in difficoltà a causa di qualche cretino.
A chi lo dici!
Ho 7 moto in garage che fanno la muffa e ogni volta che mi accingo a metterci mano, finisco per rinunciare perché poi mi viene il dubbio che finirei per non usarle.
Anche perché non è che mi trovi in difficoltà, da parte mia sono in grado di trattare il fenomeno in maniera sicura, purtroppo il problema è che oltre un certo limite, la tua sicurezza non è più nelle tue mani e da un momento all'altro puoi essere travolto da un deficiente che guida senza pensare.
Come mi è successo 4 anni fa quando un vespista mi ha invaso la corsia a tutta manetta e ci siamo fatti un bel frontale.
Che solo la mano divina ha fatto sì che incredibilmente non abbiamo, nessuno dei due, patito gravi conseguenze.

Ma mi ha distrutto la fiducia, da tanto è stato gratuito.
(gratuità che non si è confermata con l'assicurazione, non essendoci testimoni, ci siamo beccato un bel concorso di colpa 50-50...)
"dicono che quelli con gli occhi azzurri hanno la testa piena d'acqua... pensa quelli con gli occhi marroni"

Offline Topo gigi

  • Nuovo Utente
  • Post: 190
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #92 il: 24 Agosto 2020, 22:23:20 »
Dai, pensa positivo, non hai avuto gravi conseguenze.
Del resto per la statistica non penso che ci siano molte possibilità che ti capiti un incidente identico.
Comunque toccati, non si sa mai.

Offline bigbore

  • Utente d'Elite
  • Post: 6237
  • Sesso: Maschio
  • Skype: GSA: what else
Re:Piloti della domenica
« Risposta #93 il: 24 Agosto 2020, 22:32:20 »
ignorandoli gli date una lezione di educazione civica che non scorderanno facilmente. :fuma:
Non sono così ottimista.
temo anch'io che non sarebbe un lezione bensì una provocazione da "punire". Ti sorpassano e poi ti attendono acquattati in qualche rientro della strada per sorpassarti di nuovo magari a destra e all'interno.... offesa lavata!
Lo facevo io assieme ai banditi della banda di lambrate... ma tutto tra di noi eh! :rotolol: e quando non c'erano mezzi a due ruote con motore si faceva con le bici e se non c'erano le bici si faceva a piedi di corsa... l'importante era sfidarsi con ogni mezzo. Sempre tra di noi e senza coinvolgere altri non consenzienti alla pugna.
Certo è che rimane una certa aliquota di rischio anche solo ad uscire a piedi e girare dietro l'angolo e non necessariamente per via di veicoli condotti "sbadatamente", pare che certe zone d'italia siano infestate da proiettili vaganti, altre da scooter condotti alla garibaldina, altre ancora da autoveicoli condotti da gente drogata E ubriaca.
Sarà che non ho mai fatto incidenti seri o anche solo con effetti ospedalizzanti brevi, robetta da poco direi pertanto non rinuncio ad andare in giro in moto, calmo, prudente e in zone poco o punto trafficate... tocco ferro!

Comunque: https://www.youtube.com/watch?v=YeuUp5_N_s0
"Ecci alcuni che altro che transito di cibo e aumentatori di sterco chiamar si debbono, perché per loro alcuna virtù in opere si mette; perché di loro altro che pieni e destri non resta”.

Offline federosso

  • Utente d'Elite
  • Post: 11344
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #94 il: 25 Agosto 2020, 05:30:15 »
Belline le strisce animate così. Non le avevo ancora viste.  :up:

Per il resto anche io non comprendo perché vi private di un piacere. Può capitarvi in auto o a piedi l'incidente più o meno causato da qualche "fenomeno"

Tra l'altro come diceva topogigi: se uno provoca lo lasciate andare per la sua strada...e se vi aspetta e provoca di nuovo...lo rilasciate andare per la sua strada.

Sarò fortunato ma a me di situazioni limite di "provocatori" me ne sono capitate veramente poche in tanti anni. Forse due o tre... Ma neppure le ricordo bene.
Come dicevo altrove,
Se uno spinge da dietro io chiudo il gas, mi faccio da parte e faccio cenno di passare. Finisce sempre lì.
Forse ė per questo che non incontro "provocatori"... Perché non hanno neppure il tempo di provocare che già li ho fatti passare.  :rotolol:

Ovvio , comprendo il concetto espresso nel primo post di apertura del topic.
La difficoltà di metabolizzare il fatto che una mia azione (per me comoda, utile o soddisfacente) possa arrecare direttamente o indirettamente, immediatamente o nel tempo, danno al prossimo purtroppo ė un qualcosa di presente in tutti i settori della vita: circolazione stradale, gestione di una professione, rapporto con lo stato... Ecologia... Tasse... Utilizzo risorse ...
(Personalmente non mi sento puro da colpe in questo senso e invidio chi ci riesce)




...Infatti quando poi guidi una moto "tua" ti sembra sempre di essere riuscito a migliorare le cose che non ti piacevano, e anche se...non è così, si gusta più serenamente la guida! eggià... (Duc27)

Offline Apelle

  • Utente d'Elite
  • Post: 6500
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #95 il: 25 Agosto 2020, 11:16:24 »
Oddio, di *provocatori* belli e buoni non ne ho incontrati troppi neppure io, ma non ha importanza.
Il punto è esattamente, come ben espresso da fede:

La difficoltà di metabolizzare il fatto che una mia azione (per me comoda, utile o soddisfacente) possa arrecare direttamente o indirettamente, immediatamente o nel tempo, danno al prossimo purtroppo ė un qualcosa di presente in tutti i settori della vita: circolazione stradale, gestione di una professione, rapporto con lo stato... Ecologia... Tasse... Utilizzo risorse ...

che rende i provocatori solo una piccola parte del problema e, in definitiva, nemmeno quella più importante.

Per rendere le strade inaccettabilmente pericolose bastano e avanzano tutti quelli che tale metabolizzazione non riescono proprio a vederla, o peggio ancora sono consapevolmente indisponibili a prenderla in considerazione.

« Ultima modifica: 25 Agosto 2020, 22:31:56 da Apelle »
"dicono che quelli con gli occhi azzurri hanno la testa piena d'acqua... pensa quelli con gli occhi marroni"

Offline Andrea Righini

  • Utente Assiduo
  • Post: 545
  • Sesso: Maschio
Re:Piloti della domenica
« Risposta #96 il: 25 Agosto 2020, 16:21:00 »
Sfondi una porta aperta!
Io credo di averlo già scritto più volte, ho smesso di andare su due ruote su strada dal 2004 quando ho venduto la Kawasaki e subito dopo tolto la targa alla mia Yamaha 450 motard per evitare tentazioni.
M.

Mi son spiegato male ,ero in auto .

Adesso non mi ricordo ma deve essere stato il 2006 l'ultimo  anno d ' Andrea che percorre una SS con la tuta
Non importa quante volte cadi, ma quante volte cadi e ti rialzi.
L'enduro non è uno sport di contatto, è uno sport di collisione... il ballo è un sport di contatto !!

.... la frase non è mia , l'ho adottata